Bonus mobili anche per il 2016!

Con la Legge di Stabilità 2016 sono state prorogate fino al prossimo 31 dicembre le stesse aliquote di detrazioni IRPEF riservate a chi ristruttura o riqualifica immobili, nonché acquista arredi ed elettrodomestici destinati agli immobili oggetto di lavori edilizi agevolati. La manovra finanziaria ha, inoltre, introdotto interessanti novità che riguardano nello specifico le giovani coppie.

Bonus Mobili doppio per le giovani coppie
La detrazione pari al 50% delle spese sostenute si applica agli acquisti effettuati dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2016 per l’acquisto di mobili destinati ad arredare l’abitazione principale di giovani coppie, sia che si tratti di coniugi che di conviventi purché abbiano costituito nucleo familiare da almeno tre anni e almeno uno dei due componenti non abbia superato i 35 anni. La detrazione IRPEF del 50% viene concessa per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione.
L’ammontare complessivo massimo di spesa è pari a 16.000 euro. La detrazione IRPEF sarà ripartita in dieci quote annuali di pari importo. Il Bonus mobili per giovani coppie non è cumulabile con l’altro Bonus Arredi, riconosciuto per l’arredo dell’immobile ristrutturato e prorogato anch’esso fino al 31 dicembre 2016.

Bonus Mobili anche senza ristrutturazione
Il nuovo bonus mobili non è soltanto destinato agli appartamenti oggetto di ristrutturazione agevolata ma anche all’acquisto di un immobile (che non deve necessariamente essere ristrutturato). In questo caso è riservato alle giovani coppie con almeno uno dei due partner sotto i 35 anni ed è utilizzabile anche dalle coppie di fatto purchè conviventi da almeno tre anni.

Immobili da ristrutturare
Restano invece immutate le condizioni del bonus mobili per gli immobili oggetto di ristrutturazione agevolata: detrazione al 50% su un tetto massimo di spesa pari a 10mila euro, per mobili ed elettrodomestici di classe A. Il beneficio per la ristrutturazione è al 50% su un tetto di spesa pari a 96mila euro, mentre il Bonus Energia (riqualificazione energetica edifici), è al 65%, con un tetto che cambia a seconda della tipologia di intervento realizzato.