Latte di metallo e quadri.. Una mostra su Andy Warhol del tutto insolita!

Quando si pensa ad opere d’arte di nomi noti solitamente si pensa ad un museo o ad una mostra e quando si pensa ad una mostra la si ricollega immediatamente ad un luogo statico, silenzioso, cupo. Dovremmo rivedere le nostre accezioni di mostra d’arte forse, sia come contenitore che come luogo statico.
Uno studio di architetti portoghesi ha ben pensato di organizzare un’esposizione temporanea con quadri di Andy Warhol all’interno del più grande centro commerciale di Lisbona, occupandone l’intero atrio centrale per tre mesi.
Icons | Psaier Artworks and the Factory, così si è chiamata la mostra, ha aperto i battenti l’11 aprile e si è conclusa qualche settimana fa, l’11 luglio, ospitando ben 32 opere originali dell’artista americano.

Andy-Warhol-Pop-Up-by-LIKEarchitects-03-ok
L’attenzione si è focalizzata non solo sull’opera in sé ma anche sul supporto che ne doveva far risaltare il valore. Sono state utilizzate non le classiche e anonime pareti bianche  ma centinaia di latte di vernice in metallo. Questo perché si è voluto creare un filo conduttore con lo stile e gli oggetti che appaiono anche nelle opere dell’artista ed erano di suo uso quotidiano. Possiamo dire quindi che lo spazio museografico fosse in pieno accordo con le opere esposte, in quanto utilizzava l’immaginario dell’artista.

Andy-Warhol-Pop-Up-by-LIKEarchitects-02-ok

Tutto è nato dalla Campbell’s Soup Cans, l’opera di Warhol che si basa sull’idea si sublimare oggetti del quotidiano, indipendentemente dal loro uso originario e li trasforma in icone tangibili dell’immaginario collettivo.
Come le opere di Wharol, anche la mostra si è posta con l’intento di riflettere la società odierna, una società di consumi. E questo è stato messo in atto mediante l’utilizzo delle latte cilindriche. Un altro aspetto importante è stato il volere mettere in risalto la massificazione e l’omologazione della società attraverso la ripetizione di oggetti uguali.
Il museo ricrea così un ambiente che è sia pop che industriale. Un aspetto rilevante di questa mostra, inoltre, sta nel fatto che un qualcosa di culturale è stato inserito all’interno di un centro commerciale.

2013-04-28-11-34-19-ok

Il design del contenitore qui è del tutto insolito. Con l’ausilio di ben 1500 latte, é stata realizzata una sequenza di quattro stanze organizzate poi secondo un tema. Di queste, otto lattine hanno generato l’altezza dell’impianto, mentre le tre file in basso sono state riempite con della sabbia per dare stabilità alle pareti.
I quadri di Warhol si sono calati nel contesto generando un flusso ingente di spettatori mossi da curiosità e rimasti basiti dall’installazione.

dezeen_The-Andy-Warhol-Temporary-Museum-by-LIKEarchitects_header