Bonus Mobili: detrazione del 50%

Bonus Mobili: detrazione del 50%

Arredare casa non è mai stato più semplice e allettante grazie alle ultime leggi varate da questo Governo.
A favor del caso è uscito un decreto sulla Gazzetta Ufficiale relativo agli ecobonus.

Il provvedimento, pubblicato il 1° giugno in Gazzetta Ufficiale, ha inserito la possibilità, per  i contribuenti che godono dell‘agevolazione per il recupero del patrimonio edilizio, di ricevere una detrazione del 50% delle spese certificate per l’acquisto di mobili (ed elettrodoemstici) destinati all’arredo dell’abitazione che si sta ristrutturando.

In cosa consiste, nel concreto, la detrazione del 50% per gli arredi?
L’incentivo previsto per interventi compiuti sul patrimonio edilizio esistente di carattere residenziale consiste in uno sconto dell’Irpef pari al 50%.
Per ottenere lo sconto Irpef non si deve presentare alcuna domanda o richiesta specifica, ma è sufficiente, in sede di dichiarazione dei redditi, indicare i dati catastali dell’immobile oggetto dell’intervento.

Quali sono le condizioni per ottenere il Bonus Mobili?
1.
Le spese devono essere documentate, quindi occorre avere una regolare fattura di acquisto e la ricevuta di pagamento con un sistema tracciabile come il bonifico bancario o postale.
In caso di bonifico, deve essere indicato il codice fiscale della persona che effettua il pagamento e il codice fiscale o la partita Iva di colui che lo riceve.

2. I mobili acquistati devono essere utilizzati per l’arredo dell’unità immobiliare oggetto di ristrutturazione. Quindi non c’è Bonus Mobili se non c’è una ristrutturazione edilizia di un appartamento.

Quanto vale il Bonus Mobili?
Il Bonus Mobili, aggiuntivo alla detrazione per la ristrutturaziona edilizia, è relativo all’acquisto di mobili destinati all’arredamento dello stesso immobile ristrutturato. Il tetto massimo di spesa per l’acquisto di mobili è 10.000 euro di cui è detraibile il 50% in dieci anni.

Articolo tratto da "Il Sole 24 ore"

Articolo tratto da “Il Sole 24 ore”

Chi può beneficiare del Bonus Mobili?
Possono beneficiare del provvedimento tutti coloro che hanno avviato una ristrutturazione a partire dal mese di luglio 2012 (esattamente dal 26 giugno 2012, non prima).

Beneficiari della detrazione Irpef sono coloro che effettuano le spese per gli interventi, quindi non solo i proprietari dell’immobile oggetto di ristrutturazione, ma anche i titolari di altri diritti reali, come:
– nudi proprietari o usufruttuari;
– affittuari o comodatari;
– soci di cooperative divise o indivise;
– il promittente acquirente che abbia già registrato il compromesso.

Può usufruire dell’agevolazione anche il familiare convivente del proprietario o del detentore dell’immobile, purchè abbia sostenuto effettivamente le spese.
La legge definisce familiare il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado. Pertanto, nel caso di convivenza more uxorio è necessario stipulare un contratto di comodato d’uso per fruire del bonus.

Per ora non sono previste ulteriori detrazioni per l’anno 2014 per cui le ristrutturazioni e gli acquisti di mobili devono essere effettuati entro il 31 dicembre 2013.

Che tipo di arredi rientra nel Bonus Mobili?
Si parla di mobili fissi: cucine e bagni in muratura, armadi a muro ecc. Ma la versione del decreto uscito dal CdM parla di “acquisto di mobili”, senza specificare che debbano essere fissi o in muratura, il che farebbe pensare che il Bonus Mobili si possa estendere a tutte le tipologie di arredo, purchè utilizzata per l’arredamento di un immobile ristrutturato.
Secondo quanto stabilito dalla nuova modifica al decreto, in caso di ritrutturazione edilizia potranno essere detraibili le spese per tutti i grandi elettrodomestici, anche a libera installazione, di classe non inferiore ad A+ (A per i forni).
Ma con una limitazione: le modifiche prevedono l’estensione del cosiddetto ecobonus soltanto per gli elettrodomestici da incasso e non per qualsiasi tipologia.

Cosa si intende per elettrodomestici da incasso?
Piano cottura, forno, lavastoviglie, frigorifero e lavatrice.

 

Per informazioni contattaci in uno dei nostri punti vendita.